mercoledì 4 gennaio 2012

UNA FAVOLA AMORE MIO

Prestami una favola, Amor mio,
che io possa cullarmi nei tuoi pensieri
quando la notte mi nasconde la luna.
Prestami un'oncia di sogno
dove io possa seppellire
le note della mia canzone...

Sostai per tre notti
sulla sponda del torrente,

e per tre notti
fui acqua vestita d'argento.
Fui raggio di luce nel buio,
respiro di sguardi nascosti tra 

complici felci,
tra i sassi...E attesi,in silenzio,
il Tempo delle Carezze.
Guardai negli occhi la luce dell'alba,
e l'alba si fece piccola;
poggiò la testa sul mio cuore
e s'addormentò...
Prestami una favola, Amor mio,
chè io possa destare l'alba,
e raccontargli di te. 

Prestami una favola da raccontare
nelle notti di fredda malinconia,
accenderà nel cielo mille stelle
portandomi rumore di ruscelli.
Prestami un sogno che non sia ribelle,
che resti sempre a me vicino,
fresca carezza di vento sulla pelle
e nel cuore diventi favola mia...

Nessun commento:

Posta un commento