lunedì 23 gennaio 2012

VORREI

Vorrei conosce il suono della tua voce E sentirla chiamare il mio nome…Vorrei stringerti le mani E avvertirne tutto il calore…Vorrei vedere luccicare i tuoi occhi neri
E leggerne dentro un’emozione…Vorrei sentire il tuo abbraccio già famigliare E scoprire che il profumo della tua pelle E’ fresco come quello del mare…Vorrei che tu fossi proprio quella che non speravo Quella che non speravo più potesse arrivare…
Vorrei riempirmi i polmoni del tuo sorriso E scoprire che il tuo sorridere E’ come un giorno di primavera che scoppia all’improvviso E sai che l’inverno sta ormai per terminare…Vorrei scoprirti piano piano Ed ogni giorno ritrovarmi felicemente sorpreso E sospeso sopra un filo, trattenere il respiro per un batticuore…E ancora, vorrei conoscere il sapore delle tue labbra E diventarne dolcemente dipendente…E morirne sempre di voglia Non sentendomi mai sazia veramente…E vorrei poi che non svanissi anche tu, Come la brina che evapora silenziosa al primo sole Che c’è adesso e un attimo dopo non c’è più…E vorrei poi che non avessi anche tu “paura”Di uno perso sempre con la testa sulla luna Che di domande ne ha tante e di risposte nemmeno una…E vorrei poi che non ti venisse mai a noia Una che non è “pratico” per niente E a volte si perde dietro “frivolezze”Solo per cercare un po’ di infinito in tutto questo niente…E vorrei poi infine che avessi orecchie per ascoltare Questa mie parole sempre troppo sussurrate Che si confondono in tutto questo urlato ciarlare E rimangono sospese a metà senza sapere arrivare…

Nessun commento:

Posta un commento